Erbe aromatiche e turismo in Sicilia

Posted by on Ago 6, 2018 in Uncategorized | Commenti disabilitati su Erbe aromatiche e turismo in Sicilia

Quando si dice che per attirare flussi turistici in un territorio bisogna valorizzarne le peculiarità e le tradizioni forse non si capisce fino in fondo quanto questo assunto sia vero. Lo dimostra quello che avviene in Sicilia, a Scicli, quella parte di isola in cui sono ambientate anche le avventure del Commissario Montalbano, personaggio nato dalla penna e dalla fantasia di Andrea Camilleri e diventato iconico per la Sicilia tutta. Se nel resto d’Italia le grandi ville e anche gli agriturismi sfoggiano degli ordinati, ma a noi del tutto estranei, giardini all’inglese, ecco che Enrico Russino ha deciso di dare alla sua azienda agricola un’impronta più decisamente nostrana. Il nome dell’azienda è “Gli Aromi” e se ne capisce facilmente il motivo: qui vengono coltivate solo ed esclusivamente piante aromatiche. E non si pensi al piccolo erbario che ognuno di noi ha sul balcone, con un vasetto di basilico e uno di rosmarino. Qui vengono coltivate circa 200 specie vegetali diverse; ogni anno 500 mila piante vengono propagate per talea dando vita ad un connubio di profumi e suggestioni unici. Perché non condividere tanta bellezza con le persone che cercano un’esperienza olfattiva e sensoriale fuori dal comune, ma davvero immersiva e tipica del territorio? E così ha fatto Russino: ha aperto le porte della sua struttura ai turisti che adesso la affollano: ogni anno ben 9 mila persone visitano “Gli Aromi”. Ecco cosa si può fare in questo paradiso dei profumi. Gli ospiti vengono accompagnati in un vero e proprio percorso tra le piantagioni, in cui scoprono specie di erbe aromatiche forse mai sentite, come il geranio malvarosa. A seguire, dopo la degustazione olfattiva non può mancare la degustazione culinaria: tra l’orto e le serre vengono allestiti i tavoli su cui assaggiare i piatti tipici della tradizione siciliana. In ognuno di essi sono presenti le erbe aromatiche che vengono coltivate presso “Gli Agrumi”, in un tripudio che delizia tutti i sensi e permette di riscoprire la cucina e i sapori di un tempo. E non è tutto: chi vuole può portare a casa i semi delle piantine per provare a creare il suo piccolo orto aromatico. I semi vengono venduti con nomi curiosi: “Fatti i capperi tuoi!” o “Vuoi vivere nella bambagia” sono solo due delle denominazioni scelte da Russino e dal suo staff. Anche nello shop on line si possono acquistare le piantine o i semi: si va dalle erbe più comuni, come la salvia, a quelle riscoperte di recente, come la stevia, a quello più insolite come la Santolina Viridis. Preso la struttura, chi vuole, può anche prenotare il suo “Aromatic Wedding”, per un pranzo di nozze davvero indimenticabile e originale nel suo genere. Enrico Russino è molto orgoglioso del successo che la sua struttura sta riscuotendo, ma non gli basta. Dopo la recente approvazione del “Testo unico in materia di coltivazione, raccolta e prima trasformazione delle piante officinali” che disciplina questo settore in forte ripresa, si batte affinché le erbe autoctone del Paese tornino ad essere valorizzate come meritano. Privilegiare la loro coltivazione significa anche aiutare l’ambiente, in quanto richiede un minor dispendio di risorse idriche. La rinnovata attenzione per i prodotti biologici e il desiderio di condurre una vita maggiormente a contatto con la natura sono i fattori che hanno decretato il successo inatteso de “Gli Aromi”, che potrebbe aprire la strada ad un nuovo tipo di turismo “olfattivo” e “aromatico”.