La Sicilia alla BIT di Milano

Posted by on Mar 8, 2019 in Uncategorized | Commenti disabilitati su La Sicilia alla BIT di Milano

Tra il 10 e il 12 Febbraio 2019 si è svolta a Milano la BIT, una delle più importanti fiere turistiche a livello internazionale. In questa fiera ogni regione italiana ha un suo stand promozionale per presentare la propria offerta e per farsi conoscere agli operatori del settore che ogni anno intervengono da tutto il mondo. Quest’anno la Regione Sicilia ha voluto strafare con uno stand che era il più grande di tutti. Con i suoi oltre 800 metri quadri ha infatti battuto per estensione persino lo stand della Regione Lombardia e ha lasciato tutti a bocca aperta per la grandiosità dell’allestimento. Dei grandi schermi led mostravano immagini delle innumerevoli bellezze dell’isola, mentre al centro del padiglione “Piazza Sicilia” è stato il luogo in cui incontrare i visitatori e i buyers turistici. Ad aprire lo stand erano presenti tre delle più importanti figure istituzionali regionali e nazionali in materia turistica: Nello Musumeci, il presidente della Regione Sicilia, Gian Marco Centinaio, il ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, e Sandro Pappalardo, l’assessore regionale al Turismo. Come ha detto lo stesso Musumeci, l’intenzione dello stand alla BIT è di mostrare un nuovo volto della Sicilia, che le permetta alla fine di uscire dalla stagionalità dell’offerta turistica per mostrare come le diverse possibilità di visita possano permettere al visitatore di divertirsi e fruire di molte iniziative nel corso di tutto l’anno. L’intera grafica promozionale è stata rinnovata per dare un aspetto più fresco ad un’offerta che comunque continua a basarsi sugli elementi di sempre, quelli intramontabili: siti meravigliosi, cibo ottimo, calda accoglienza. Naturalmente, per attirare i turisti nel corso di tutto l’anno è necessario fare un grande lavoro organizzativo, ed è proprio questo che la Regione Sicilia si è proposta di fare presentando dei programmi molto accurati non solo della stagione teatrale, ma anche di tutti gli altri eventi interesse che hanno luogo nelle varie province in vari momenti dell’anno. Manifestazioni come il carnevale di Acireale, Sciacca e Termini Imerese, l’Infiorata di Noto o la festa del Mandorlo in fiore nella Valle dei Templi possono costituire una grande attrattiva per il turista desideroso di sperimentare il territorio, visto il grande significato folkloristico che rivestono. La Regione ha voluto anche ribadire l’offerta enogastronomica, visto che questo comparto muove un gran numero di persone che viaggiando vogliono anche conoscere i sapori del luogo che visitano. In Sicilia ci sono circa 50 presidi Slow Food ed eccellenze del gusto come il cioccolato di Modica, per non parlare di molte rinomate etichette di vini. Anche il turismo naturalistico è stato propugnato presso lo stand della BIT: in Sicilia si trovano infatti ben cinque parchi naturalistici, ovvero quello dell’Etna, delle Madonie, dei Nebrodi, il Parco Fluviale dell’Alcantara e quello dei Monti Sicani. Il progetto è di inserirli tutti all’interno di un unico circuito che prenderà il nome di “Sicilia, Paradiso in terra”. Accanto alle bellezze paesaggistiche ci sono poi centri di grande bellezza tutti da scoprire, come i quattro comuni che hanno vinto il prestigioso titolo di “Il Borgo dei Borghi” e che sono Gangi, Montalbano Elicona, Petralia Soprana e Sambuca di Sicilia. L’assessore Pappalardo ha ribadito la volontà di “svecchiare” l’immagine della Sicilia da una serie di stereotipi che la accompagnano nell’immaginario collettivo per proporre delle forme di fruizione più moderne e snelle, attente alle esigenze dei viaggiatori che amano sempre più modalità “slow” per conoscere un territorio.