Le città siciliane prime per il turismo

Posted by on Feb 6, 2018 in Uncategorized | Commenti disabilitati su Le città siciliane prime per il turismo

Ci sono buone notizie e altrettanto buone prospettive per le grandi città siciliane in termini di flussi turistici. Che i centri urbani dell’isola siano preziosi scrigni di tesori architettonici, artistici e culturali non è certo una novità; ma sembra che finalmente le loro bellezze comincino ad avere il giusto riconoscimento anche in termini di ritorno di immagine. La prima novità riguarda Catania, che quest’anno è stata classificata tra le “Travelers’ Choice Destinations on the Rise 2018” da parte di Tripadvisor. Tripadvisor è uno dei siti più noti che permettono ai navigatori della rete di prenotare on line hotel, alberghi e ristoranti; inoltre si occupa anche di dare dei giudizi e di segnalare ai potenziali viaggiatori quali sono le località, le mete e le strutture migliori e più desiderabili. Si capisce quindi come Tripadvisor sia un’ottima cartina di tornasole anche per capire quali sono le preferenze del pubblico e quali sono le destinazioni più amate. Il “Travelers’ Choice Destinations on the Rise” non è altro che una rassegna di quelle che sono le località che nell’anno appena trascorso i viaggiatori hanno preferito, segnalandole anche per la bontà dei servizi offerti e per la loro particolare convenienza. “On the rise” vuol dire “emergenti”: si tratta cioè di luoghi che stanno crescendo nel gradimento dei turisti solo in tempi recenti. Ebbene, all’interno della top ten europea quest’anno c’è una sola città italiana ed è Catania. Per quanto Catania sia una città che da sempre presenta innumerevoli attrattive per i viaggiatori, solo ora comincia ad essere preferita ad altre destinazioni e questo probabilmente è da ascriversi ad una migliorata qualità dei servizi di accoglienza, dalle strutture alberghiere fino ai ristoranti. Catania è in buona compagnia, insieme a molte città dell’est europeo (al primo posto c’è Danzica, seguita da Riga): al primo posto nella classifica internazionale c’è una città giapponese, Ishigaki. L’altra buona notizia invece riguarda la città di Palermo, che da quest’anno inizierà a proporsi come “wedding destination”. Si tratta di una branca del turismo piuttosto nuova ma molto promettente: il turismo matrimoniale delle coppie che per sposarsi vogliono anche uscire dai confini nazionali per trovare location suggestive per vivere il loro “giorno più bello”. Si capisce come una città, per proporsi come luogo perfetto in cui convolare a nozze, deve garantire tutta una serie di caratteristiche che Palermo possiede e può anche implementare. Ci vogliono dimore storiche e costruzioni di lusso in cui poter tenere il ricevimento, ci vogliono esperti e professionisti del settore che garantiscano un’organizzazione impeccabile, dal catering fino all’addobbo floreale. È su questo che si focalizzeranno gli sforzi della promotrice del progetto “Palermo wedding destination”, Patrizia di Dio, presidente della Confcommercio di Palermo. A partire da marzo verrà stilato un elenco di tutte le ditte e dei lavoratori individuali che andranno a confluire nel progetto, per proporre alle coppie in procinto di sposarsi un pacchetto completo che le possa invogliare a scegliere la città di Palermo come luogo per il loro matrimonio. A collaborare con la Confcommercio è una wedding planner esperta del settore, Monica Balli, che avrà il compito di individuare i posti preferibili della città in cui poter organizzare i banchetti e i ricevimenti. A cooperare al progetto c’è anche Allumeuse Communication, società che si occupa proprio di turismo matrimoniale. In questo modo Palermo vuole quindi strutture un insieme di competenze e servizi che possano attrarre da tutto il mondo le coppie che desiderano sposarsi in località esclusive, per realizzare una festa da ricordare davvero per tutta la vita.