Le Vie Sacre, il nuovo turismo esperienziale siciliano

Posted by on Nov 23, 2018 in Uncategorized | Commenti disabilitati su Le Vie Sacre, il nuovo turismo esperienziale siciliano

Il cammino di Santiago, il lungo pellegrinaggio che consente di giungere fino al Santuario di Santiago de Compostela, è frequentato ogni anno da centinaia di migliaia di turisti. Certo, definire chi si imbarca in una simile avventura un semplice “turista” è un po’ riduttivo. La riscoperta dei cammini devozionali, che hanno avuto un notevole boom negli ultimi anni, testimoniano come per chi viaggia ci sia la necessità di sperimentare qualcosa di più di una semplice vacanza in bei posti. La maggior parte dei turisti cerca una vera “esperienza”, vuole gustare un territorio fino nei suoi aspetti meno conosciuti e tornare a casa rigenerato ma anche cambiato, maturato, cresciuto. In questo senso i percorsi di pellegrinaggio consentono di vivere un’esperienza davvero a 360 gradi, perché coinvolge e mette in gioco molti aspetti diversi. Si tratta di percorsi escursionistici, che consentono di ammirare paesaggi di grande bellezza e di visitare edifici storici e bellezze artistiche per lo più poco note. Si tratta di un viaggio spirituale, alla ricerca del divino che c’è nel mondo e in ognuno di noi. Infine, si tratta di un modo per conoscere un territorio davvero in ogni sua sfaccettatura, assaporandone l’accoglienza, incontrando la gente, apprezzando le usanze del posto di prima mano e non solo come in una cartolina patinata. Ecco perché anche la Sicilia ha deciso di riscoprire i suoi sentieri devozionali, dando il via ad una serie di percorsi che si dipaneranno per tutto il 2019 e che sono stati inaugurati a fine 2018. “Vie Sacre Sicilia” è una rete escursionistica che è stata presentata ufficialmente a Palermo nelle giornate comprese tra il 9 e l’11 Novembre in occasione della Fiera del Mediterraneo, all’interno di “Fa’ La Cosa Giusta”. La presentazione è stata non solo formale ma anche pratica: infatti il 10 Novembre si è svolto il primo pellegrinaggio, l’Itinerarium Rosaliae verso Monte Pellegrino. “Vie Sacre Sicilia” è un progetto che è nato nel 2014 per volontà di don Roberto Fucile che è stato poi appoggiato dalla Conferenza Episcopale e ha trovato il supporto di diverse associazioni di escursionismo e di ricettività territoriale. Si tratta di un unico “cappello” messo sopra una rete di percorsi devozionali che riscoprono alcune località e bellezze poco note dell’isola, e si rivolgono ad un turista attento, desideroso di fare un viaggio nel territorio ma anche dentro se stesso. Gli appuntamenti che sono già stati fissati per il 2019 sono numerosi e suonano molto interessanti; riguardano tutte le province siciliane e sono in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza. Ad esempio, nel mese di febbraio si partirà con il percorso che ripercorre “i passi di Corrado eremita”, un itinerario che parte dal romitorio dei Pizzoni per poi arrivare fino alla Chiesa del Crocifisso di Noto Antica. In questo caso si tratta di un percorso di una sola giornata, ma ci sono anche itinerari che si snodano su più giornate, come ad esempio il “Cammino dei frati” che avrà luogo tra il 23 aprile e il 1 maggio. L’itinerario va da Caltanissetta a Cefalù e segue i tragitti che venivano fatti dai frati questuanti, che percorrevano l’entroterra per raggiungere le campagne più remote. Ci sono poi cammini che portano a conoscere alcune delle bellezze storico-artistiche del territorio, come quello del 4 maggio che conduce fino alle chiese rupestri di Scicli. Il programma completo è però molto più ampio, e si può consultare sul sito web dedicato a questa iniziativa turistica che ha lo scopo di far scoprire un volto inedito della Sicilia.