Il Turismo Accessibile e la Sicilia

Posted by on Feb 11, 2019 in Uncategorized | Commenti disabilitati su Il Turismo Accessibile e la Sicilia

La tematica dell’accessibilità dei luoghi è molto importante per la vita quotidiana di tutte quelle persone che sono affette da un handicap fisico o mentale. La loro percezione del mondo, e soprattutto la loro possibilità di fruirlo, è diversa dalla nostra ed ha quindi bisogno di regole diverse affinché le normali operazioni di tutti i giorni possano essere svolte senza difficoltà. Le barriere architettoniche vanno abbattute, vanno ideati nuovi modi di mostrare oggetti e cose, e soprattutto vanno abbattuti i limiti mentali. Se tutto questo è vero in assoluto, c’è un campo di attuazione molto specifico a cui alcune associazioni stanno lavorando, ed è quello del turismo. Tutti viaggiano e tutti amano le cose belle, quindi tutti devono essere messi nelle condizioni di poterne godere. Questa è l’idea che c’è dietro a “Sicilia Turismo per Tutti”, un’associazione nata sull’isola che negli ultimi anni si è data molto da fare soprattutto nella provincia di Siracusa al fine di rendere certi servizi fruibili anche da parte di chi vive una disabilità, di qualunque genere essa sia. Infatti l’associazione lavora con non e ipo vedenti, con persone che hanno disabilità motorie, con ragazzi che vivono disagi di tipo psichico, cercando di adeguare alle loro esigenze strutture, luoghi, opere d’arte. La presidente dell’associazione è Bernadette Lo Bianco la quale, alla fine dell’anno 2018, ha potuto tracciare un bilancio molto più che soddisfacente. Ha infatti detto che in pochi anni il numero di spiagge accessibili in Sicilia sono aumentate notevolmente: se erano solo 10 nel 2014, ora sono più di 70. Questo è il risultato del progetto “Sicilia e Siracusa mare per tutti 2018”, che però non è l’unico, né il più importante, dei tanti che l’associazione mette in campo. La Lo Bianco ha elencato altri importanti traguardi raggiunti: ad esempio, i lavori di adeguamento presso la Cittadella dello Sport di Siracusa, dove sono stati installati dei sollevatori meccanici e le attrezzature per il Sitting Volley. A Siracusa l’associazione ha coadiuvato l’amministrazione comunale per il collocamento di rampe di accesso in alcuni luoghi turisticamente strategici, come ad esempio l’Antico Mercato di Ortigia. Oltre a collaborare con gli enti pubblici, l’associazione ha lavorato anche con privati i quali hanno deciso di rendere le loro strutture turistiche maggiormente accoglienti per chi ha qualche disabilità. Chi viaggia, infatti, è attento a questi particolari e quindi si reca in luoghi dove sa di poter trovare i servizi più adeguati alle sue particolari esigenze. Ecco dunque che la Sicilia sta diventando una meta di eccellenza da questo punto di vista, ma la Lo Bianco non si dice soddisfatta. C’è anche un altro aspetto da considerare, ed è quello dell’inclusione di soggetti diversamente abili anche nella gestione delle strutture turistiche. Secondo una legge del gennaio 2018 le aziende turistiche che hanno almeno 15 dipendenti devono assumere anche una persona diversamente abile. È quindi necessario strutturare processi di inclusione e corsi di formazione che permettano davvero a tutti di operare nel campo dell’accoglienza. Dopo aver organizzato mostre e convegni accessibili un po’ in tutta l’isola, aver dato un contributo fondamentale al tavolo tecnico del Patto di Responsabilità sul Turismo voluto da Confindustria Siracusa, e partecipato alla stesura del primo “Libro bianco sul Turismo a Siracusa ed in provincia”, l’associazione “Sicilia Turismo per Tutti” si pone altri, ambiziosi obiettivi per il 2019. In cantiere ci sono teatro e funzioni religiose in LIS (il linguaggio dei segni per i non udenti) e tour studiati per un’accessibilità a 360 gradi.